Frosinone primo in B: la straordinaria partenza-sprint della squadra di Grosso

3' di lettura 24/11/2022 - Fabio Grosso è alla sua terza stagione da allenatore del Frosinone e finalmente sta iniziando a vedere i frutti del suo lavoro in Serie B. L’ex terzino campione del mondo, indimenticato protagonista di Germania 2006, era arrivato sulla panchina ciociara nel marzo del 2021 proprio per sostituire un altro azzurro iridato, Alessandro Nesta. 

Da subentrato Grosso ottenne un 10° posto e fu confermato per il campionato successivo, arrivando stavolta alla nona piazza soprattutto in virtù di un notevole rendimento nella prima metà della stagione. Tuttavia, l’anno scorso il Frosinone ha perso parecchi punti per strada nel bel mezzo del campionato, anche contro avversarie molto meno quotate. C’è una delusione che brucia ancora. I giallazzurri hanno sfiorato la qualificazione ai playoff all’ultima giornata, perdendo tra le mura amiche contro il Pisa, mentre il Perugia vinceva sul Monza per poi avvalersi del vantaggio degli scontri diretti sul Frosinone. Gatti e Zerbin sono persino arrivati in Nazionale per poi tentare il salto di qualità, essendo stati richiamati rispettivamente dalla Juventus e dal Napoli, che ne detenevano i cartellini. Oggi, comunque, la rosa frusinate continua a vantare elementi molto interessanti alla stregua di Roberto Insigne, fratello di Lorenzo, e di Gianluca Frabotta.

Al momento il Frosinone comanda la classifica di Serie B con 30 punti, ottenuti dopo 10 vittorie e 3 sconfitte. Quella allenata da Grosso è curiosamente l’unica formazione della cadetteria a non aver ancora pareggiato una partita finora. Sono 19 i gol realizzati, mentre ammontano a 7 quelli incassati: la difesa è la migliore del campionato e rappresenta evidentemente il punto di forza principale di questa squadra. La stagione era stata avviata con il successo per 0-1 sul campo del Modena, al quale è seguita la vittoria interna per 3-0 sul Brescia. Dopo la prima sconfitta, rimediata a Benevento per 2-1, il Frosinone è tornato a vincere battendo in casa il Como per 2-0, per poi cadere a Cittadella con il risultato di 1-0.

Dopo aver vinto contro il Palermo per 1-0 e aver perso contro il Parma per 2-1, poi, sono arrivati solo successi. Nelle vittorie ottenute ai danni di SPAL, Venezia, Bari, Cosenza, Perugia e Ascoli il Frosinone ha subito solo 2 gol, trovandosi più di una volta in superiorità numerica. Va da sé che di questi tempi il palinsesto di quote sulla Serie B vede spesso i ciociari favoriti nei vari incontri. Quello cadetto è però un campionato imprevedibile, dove mantenere la continuità è sempre molto difficile. La squadra di Grosso dovrà cercare di aumentare quanto più possibile il vantaggio sulle dirette inseguitrici, tra le quali figurano anche nobili decadute come Genoa e Parma.

La Serie B non si fermerà durante il Mondiale, di conseguenza l’ascesa del Frosinone potrebbe trovare la sua sublimazione a breve. La pressione è tutta sulle spalle di Grosso, reduce da un filotto di 6 vittorie. Nessun’altra squadra si sta distinguendo al momento per così tanta costanza: anche la Reggina seconda in classifica ha registrato pareggi e sconfitte nei match più recenti. Dopo 4 anni potrebbe essere davvero la volta buona per il ritorno in A del Frosinone.






Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2022 alle 22:59 sul giornale del 24 novembre 2022 - 30 letture

In questo articolo si parla di sport, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEQR


qrcode